lunedì 28 gennaio 2013

Basta poco per stupire!

Basta così poco per rendere un piatto semplice e veloce in una chiccheria che conquisterà voi e i vostri ospiti. 

Prendi una semplice tartare, e io che amo la carte cruda mi riferisco ad una tartare all’italiana, ovvero condita con sale, olio evo e limone (poco!), ancora meglio se battuta al coltello: fatta così, nuda e cruda, la carne sa di carne e non c’è scampo, o piace o non piace, ma nulla vi vieta di “vestirla” come fanno i francesi, con echalotte (scalogno) tritato finissimo, capperi, tabasco, olio evo, sale e pepe e tuorlo d’uovo crudo ovviamente (ma anche li qualcuno potrebbe storcere il naso…omettetelo, no worries!). 

Torniamo a noi, una tartare condita con olio evo, sale e poco limone, la croccantezza data dalle mandorle a lamelle tostate e dai carciofi tagliati fini fini conditi anch’essi con olio sale e limone e un cucchiaino di burrata per dare la cremosità e grassezza che manca al piatto, qualche scorzetta di limone per ripulire la bocca dal sapore della carne cruda e dalla “burrosità” della burrata e il gioco è fatto! E l’idea in più?!?!… Metterla in un vasetto Quattro Stagioni per creare delle porzioni individuali pratiche e d’effetto…che ve ne pare?! 


Tartare in vasetto


Per 4 persone: 
200 gr di carne di vitello macinata 
2 cucchiai di mandorle a lamelle 
2 carciofi 
1 burratina (o stacciatella) 
sale fino 
olio evo 
limone 
4 vasetti Quattro Stagioni da 125 ml 



Private i carciofi delle foglie più esterne, tagliate la parte della foglia con le spine (circa 1/3) della lunghezza delle foglie), divideteli a metà, togliete la barba interna e metteteli in acqua acidulata con mezzo limone per 5 minuti. 

Intanto condite la carne macinata con 2 cucchiai di olio evo, sale e limone a piacere (assaggiatela!). 

Fate tostare le mandorle a lamelle in una padella antiaderente a fuoco medio per 3-4 minuti scuotendole di tanto in tanto di modo che non si brucino. Quando saranno dorate trasferitele in un piatto, fatele raffreddare e tenetele da parte. 

Asciugate i carciofi e affettateli sottilmente: il taglio deve essere fatto in modo da avere sempre parte del gambo e delle foglie. Conditeli con 2 cucchiai di olio evo, sale e limone. 

Aprite la burratina e dividetela in 4. 

Montate la tartare nei vasetti disponendo le mandorle sul fondo, poi la carne, i carciofi e la burrata. Completate con la scorza di limone grattugiata o tagliata al coltello facendo attenzione a prendere solo la parte gialla.


Semplice, vero?!

15 commenti:

  1. E' davvero un idea strepitosa tesoro!!Questi vasetti sono deliziosi da vedersi e di sicuro altrettanto buoni!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imma, sei un tesoro!!! Mille bacini!!!

      Elimina
  2. Idea carinissima ^_^ Dovrò però adattarla perché io non mangio mai carne cruda, nemmeno se marinata come hai fatto tu. Quindi ... e se al posto della carne mettiamo una spuma di prosciutto crudo? Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che è un'idea meravigliosa!!! Crudo mandorle e carciofi è una figata! E con la burrata è la morte sua! Ometterei la scorza di limone in quel caso, magari un goccino di scorza d'arancia...che te ne pare :)?! Ti abbraccio!!! Buona settimana!!!

      Elimina
  3. Sei davvero un genio...lo so, sono ripetitiva!!!!
    Mi piace un sacco la carne cruda...e con questa presentazione mi piace ancor di più...
    Ma come ti vengono tutte queste idee!!!!!!!

    Un abbraccio e buon inizio settimana
    Monica


    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah Monica!!! Ma a me piace un sacco che tu sia ripetitiva :)! Ah ah ah!!!
      L'idea mi è venuta perchè dovevo portare della marmellata a mia mamma e dovevo travasarla in un vasetto più piccolo...e così, li ho visti li e dadaaaannnn...folgorazione :)! Sono matta, lo so :)!
      Ti abbraccio forte!!! Buona settimana anche a te!
      Smack!

      Elimina
  4. mmm....questa tartare è una favola! Se c'è un piatto che mi manca d'inverno è proprio questo, perchè la macelleria dove la prendo ad ottobre smette di prepararla. Non ho mai avuto il coraggio di prepararla da sola, ma con questa tua ricettina..... vabbè preparo i vasetti!!!
    Buon lunedì
    Sara

    RispondiElimina
  5. Bellissima. Confesso di non amare molto la tartare, ma questa quasi mi stuzzica :-)

    RispondiElimina
  6. Adoro la tartare! In tutte le salse! E adoro questa tua presentazione! Complimentissimi!!! :)
    Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  7. ahahah!geniale!a parte che adoro la tartare ..questa versione è ottima con e senza vasetto!brava brava brava;)buona settimana

    RispondiElimina
  8. Semplice non è la parola adatta. Stupendo lo è!

    RispondiElimina
  9. Il nome del tuo blog mi ha incuriosito e lo trovo ricco di spunti molto interessanti. Mi sono unita ai tuoi lettori. Se ti va di conoscermi meglio, ti invito a visitare il mio blog pastaenonsolo.blogspot.it
    Mi piacerebbe se anche tu ti unissi ai miei lettori. Buona serata.

    RispondiElimina
  10. buonissimi questi vasetti! mi piace tutto, amo i carciofi crudi e la tartare, anche se li mangio raramente, bellissima idea!

    RispondiElimina
  11. Idea davvero chic! Brava Ema...ma anche io carne-cruda-no-grazie, mi butto sui suggerimenti che hai dato ad Emanuela, quindi spuma a go go!!!!
    Baci, Ellen

    RispondiElimina
  12. quanto è vero che si mangia anche con gli occhi!!! e queste tartare si fanno proprio mangiare!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina