venerdì 2 novembre 2012

Torta di porri di Cervere con brisé al burro di Bagòss

Come preannunciato eccovi una ricetta all'insegna delle Eccellenze d'Italia, o meglio del Nord Italia (quelle del Sud arriveranno presto non temete, anche perché, al Salone del Gusto di Torino, ho svaligiato metà padiglione 3 - quello del Sud Italia per l'appunto).

Vi do la ricetta e poi vi dico qualche cosina su ogni prodotto...

Torta di porri di Cervere con brisé al burro di Bagòss


per una torta di 20 cm di diametro:
Per la pasta brisé:
150 gr di farina di mais Biancoperla 
100 gr di fecola di patate
130 gr di burro di Bagòss
3-4 cucchiai d'acqua ghiacciata
1 cucchiaino di sale di Cervia
Per il ripieno:
una noce di burro di Bagòss
5 porri di Cervere
250 gr di ricotta di pecora freschissima Caseificio Sepertino
2 cucchiaio di Bagòss stagionato 2 anni grattugiato
2 uova bio
sale di Cervia q.b.
pepe



Per la pasta brisé:
Mescolate la farina e la fecola e disponetele  a fontana sulla spianatoia, aggiungete il sale frantumato e il burro freddo a pezzetti. Con la punta delle dita sollevate e amalgamate la farina con poco burro per volta ottenendo così delle briciole. Disponetele nuovamente a fontana le briciole ottenute e aggiungete l'acqua. Lavorate velocemente fino ad ottenere un composto liscio. Formate una palla, schiacciatela, avvolgetela nella pellicola alimentare e riponetela in frigo per un'ora e mezzo.

Per il ripieno:
Pulite e lavate i porri, tagliatele la parte bianca e anche parte di quella verde chiaro a rondelle fini. 
In una wok (o una padella larga) mettete una noce di burro e quando si sarà sciolta aggiungete i porri, salateli e pepateli leggermente. Lasciateli stufare fino a quando saranno teneri e l'acqua avranno dato si saràasciugata. Non aggiungete acqua, mi raccomando! Quando saranno pronti, fateli intiepidire.
Aggiungete quindi la ricotta fresca, il Bgòss grattugiato, salate e pepate a piacere e in ultimo aggiungete le uova.

Accendete il forno a 180°C.
Riprendete la pasta, stendetela dello spessore di mezzo centimetro e con questa foderate uno stampo di 20 cm senza mettere la carta da forno, né burro e farina perché già la pasta è burrosa di per se! (io ho usato uno stampo a cerniera perché la pasta è molto friabile e in una teglia normale si sbriciolerebbe tutta-questo è uno degli inconvenienti delle farine naturalmente prive di glutine).
Mettete il ripieno e ripiegate i bordi e schiacciatelo leggermente con i rebbi di una forchetta.
Infornate a forno ventilato per 40 minuti.



Il porro di Cervere  (CN) la sua produzione è legata a metodi di coltivazione tramandati di generazione in generazione, che si adattano difficilmente ad ogni tipo di meccanizzazione e conserva quindi una componente di lavorazione manuale che ne ostacola la produzione su larga scala. 
La peculiarità di questo porro, data proprio dal costante lavoro manuale che comincia a marzo-aprile con la semina, prosegue a luglio con il trapianto in filari e il molteplice rincalzo delle piante fatto a settembre, è che la sua parte bianca (ossia la parte più buona e dolce) arriva fino a 60 cm di lunghezza. Il porro di Cervere giunge a maturazione a  fine ottobre e può essere raccolto per tutta la stagione invernale.

Il sale "dolce" di Cervia  - presidio Slow Food - viene raccolto ogni giorno dai salinar i e questo fa si che la formazione dei sali più "amari"(come i cloruri di potassio e di magnesio che richiedono più tempo per cristallizzarsi) venga ridotta al minimo. Il sale di Cervia viene considerato "dolce", non perché con minore capacità salante, ma perché privo di retrogusti amari.
Cervia è in provincia di Ravenna - Emilia Romagna - per chi, come me, con la geografia non va molto d'accordo!

Farina di mais Biancoperla -presidio Slow Food - viene prodotta da pannocchie affusolate di colore bianco perlaceo e rigorosamente macinata con la mola a pietra per esaltarne le proprietà organolettiche. Ha una grana molto fine il che permette di ottenere una polenta molto cremosa.

Burro di Bagòss  per questo vi rimando a questo post!

20 commenti:

  1. Ah, i sali speciali! Una gioia a cui non sono mai stata iniziata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece dovresti Ucci :)!!! Sono una figata e più li provi più ti rendi conto di quanto siano diversi uno dall'altro :)!!! Pian piano userò tutti quelli che ho così li conoscerai :)!

      Elimina
  2. Mi sembra proprio una vera bontà! Buona giornata:)

    RispondiElimina
  3. lo so che sei impegnatissima, ma da me c'è una cosina per te..spero che tu possa passare !
    grazie e un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo subito Simo!!! E scusami il ritardo!!! Grazie mille :)!

      Elimina
  4. Sei sempre una scoperta tesoro. Il sale di Cervia oggi è l'unica cosa che conoscevo già, forse solo perchè da qualche anno ho la fissa dei sali diversi :)) Adoro i porri e questa torta salata dev'essere a dir poco strepitosa. Un abbracccio grande cucciola, buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono un'amante dei sali diversi! Ne ho una marea :)! Che matte che siamo! Ah ah ah!
      Era davvero buona tesorino! Se ti piacciono i porri non ti deluderà e anche con un burro normale e un po' di parmigiano stagionato sarà deliziosa comunque! Magari potresti usare la tua ricotta :)!
      Ti stringo forte <3

      Elimina
  5. Eccezionale Ema, adoro i porri e proverò a rifarla

    RispondiElimina
  6. qui in casa amiamo i porri cara Ema!!! :)
    difficilmente troverò i porri di Cervere ma...credo proprio che la proverò questa torta salata!!
    un abbraccione

    RispondiElimina
  7. Ne vorrei una fetta subito!!! Che fame e che bontà!!! Complimenti golosissima, a presto, Martina

    RispondiElimina
  8. Ciao Ema! :) Come stai? :) Innanzitutto scusa la latitanza di questo periodo ma ci sono mille cose da fare e pochissimo tempo, non riesco a seguire tutto come vorrei :( Ti ho sempre nel cuore, però! :) Sono contenta di essere qui adesso a commentare questa deliziosa torta, deve essere squisita! Complimentoni! :D Ti abbraccio forte con tanto affetto :) Buon weekend! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale!!! Non preoccuparti assolutamente...ti capisco benissimo! Anche io ho giusto il tempo di cucinare e postare e così i commenti alle amiche passano in secondo piano :(! Magari sbircio la ricetta, ma se non leggo tutto il post preferisco non commentare! Ti seguo sempre però :)! Mi piace troppo il tuo bellissimo blog :)! Un abbraccio forte!

      Elimina
  9. super golosissimaaa!!! sto già sbavando eheh
    il bagoss dev'essere fantastico in questa ricetta! dovrò riproporla al mio vicino di casa che ne va matto!

    volevo farti i complimenti per il blog, l'ho scoperto per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    da poco ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Michela! Passerò sicuramente :)!
      Un bacione grande

      Elimina
  10. Davvero interessante il tuo blog! da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)!!! Ti verrò a trovare sicuramente :)! Un abbraccio

      Elimina
  11. Una descrizione impeccabile degli ingredienti e del procedimento! Una torta ricercata e con ingredienti unici.. Se son tutti così gli acquisti che hai fatto al Salone del Gusto...bè ottima scelta!
    baci baci

    RispondiElimina
  12. Wow, e il bagoss mi evoca belissimi ricordi........... Bacioni cara Emanuela!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione tesoro!!! Un week end che porterò sempre nel cuore :)! Un abbraccio

      Elimina